Il mio cuore batte a destra

La politica è parte di me, nonostante io, come tanti altri, sia orfano della della destra in questo Paese.

Tempo fa proprio attraverso le pagine del mio blog annunciai la mia decisione di fermarmi un giro e di non muovere un passo fino a quando il sistema politico italiano non avesse avuto una stabilizzazione. Onestamente quella stabilizzazione attesa non c’è stata ed, anzi, le elezioni politiche prima e amministrative poi non hanno fatto altro che ingarbugliare ed incasinare ancor di più il sistema politico.

Non entro nel dettaglio della situazione, cui rimando una approfondita e reiterata analisi nel corso dell’imminente estate, ma parlo di me e del mio agire.

Senza una casa politica ritorno in campo e assolutamente non per ambire a una posizione in vista delle elezioni amministrative per il Comune di Potenza nel 2014 ma, invece, per tornare tra la gente delle mie comunità di riferimento: Potenza e Salerno.

Lo ribadisco, la politica è parte di me sin da quando ero piccolo ed oggi non voglio farne a meno sperando, prima o poi, di ritrovare una casa politica sicuramente a destra.

A destra come quattro anni fa per le elezioni comunali di Potenza, a destra come quando ero appena adolescente, a destra come sempre. Il sottoscritto anche quando abbiamo fatto il maledetto errore di dar vita al cosiddetto “Terzo Polo” è stato a destra nonostante la miopia di gente come Italo Bocchino ha fatto in modo di offuscare la destra in quello che doveva essere il Nuovo Polo. E, probabilmente, il Terzo Polo è fallito ancor prima di nascere proprio perché ha ignorato le richieste di una Paese liberale e liberista ma anche orientato a destra, quella destra modernista ed europeista cui ha sempre ambito Gianfranco Fini.

Quando iniziai il percorso politico la tanto amata Alleanza Nazionale aveva uno slogan chiaro e conciso: “Il mio cuore batte a destra”.

Proprio da qui bisogna partire per la nuova destra di questo Paese, magari iniziando da Roma con la vittoria di Gianni Alemanno come Sindaco della Capitale. A piccoli passi.

Alemanno è stato un Sindaco bravo per quel che ha potuto, combattendo con la carenza dei bilanci e le problematiche di una città che questo Paese non tratta da Capitale. Ha provato ad aprire Roma al mondo ancora una volta dopo gli anni bui e inutili di quella sinistra che pensava a costruire Fiere inutili senza pensare allo sviluppo di Roma Città Capitale ancor prima partendo dalle risorse primarie di Roma, la sua storia.

Il Paese ha bisogno di una destra, l’Italia chiamò…

20130608-225215.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: