#Potenza2014 Dario De Luca ed il suo governo della città da Manuale Cencelli

Dario De Luca è Sindaco della Città di Potenza: lo è e da qualche giorno ha al suo seguito una nutrita Giunta supportata da una squadra poco folta di Consiglieri Comunali.

Avrei voluto non affrettarmi nel giudicare le scelte fatte da una persona mite e razionale come Dario De Luca ma, in un certo senso, proprio le peculiarialità di tali scelte mi portano nell’immediato a dire la mia su un agire tipico della peggior Democrazia Cristiana tale da evidenziare come lo stesso De Luca sia stato pilotato, quasi costretto, nelle sue scelte dai partiti e, soprattutto, dai dirigenti dei partiti che lo supportano.

Dinanzi alla scelta di un Governo tecnico della città si offre un chiaro, forte e conciso colore politico all’Amministrazione ed, ancor di più, una caratterizzazione partitica alla Giunta. Tale scelta sarebbe stata cosa buona e giusta dinanzi a due fattori fondamentali: uno stato non comatoso ma ottimale delle casse comunali e, in ogni caso, se a sorreggerlo sarebbe stata un’ampia maggioranza dei consiglieri comunali.

È chiaro ai più che entrambe le condizioni non potranno essere soddisfatte allo stato attuale, fatto salvo che Dario De Luca, Gianni Rosa ed Aurelio Pace non credano davvero nella vittoria del ricorso per l’attribuzione dei seggi in Consiglio Comunale. Altrimenti questa, senza scendere nei dettagli, non potrà che essere una Giunta balneare.

Per tanti motivi. Il primo insito nell’occupazione partitica di ogni seggiola occupabile al fine di far rientrare, anche in extremis, chiunque abbia dato un contributo percepito come rilevante per la vittoria elettorale. Addetti stampa, Assessori, Capi di Gabinetto e chi più ne ha più ne metta. Alla faccia della moralità, bisogna ripagare tutti. Il secondo, strettamente collegato al primo, è legato all’incapacità da parte di gran parte del centrosinistra, facente capo all’ex Partito Regione, di accettare una condizione simile di saccheggio pari, se non peggiore, a quei saccheggi più volte criticati nel PD dai vari esponenti vicino all’attuale Sindaco. Il terzo, infine, trova origine in una mancanza di forza politica tale da poter imprimere la scossa giusta alla macchina amministrativa del Comune di Potenza.

L’augurio da parte mia è che la Giunta possa resistere e costruire una nuova era per la città ma, allo stato attuale, ho seri dubbi proprio sulla tenuta del Consiglio e, ancor di più, sull’eventuale Commissariamento dell’Ente. In fondo, e non troppo in fondo, al centrosinistra sicuramente farà più comodo far commissariare il Comune di Potenza per incapacità politiche piuttosto che per dissesto finanziario.

Non è questo un tentativo di diffondere pessimismo ma un invito a quanti mi leggono a riflettere sulla stranezza di questo dato elettorale e sulle ambigue decisioni successive prese dalla Coalizione vincente: silenzio assoluto sul ricorso, nessuna apertura alle altre forze del centrodestra, dialogo con Marcello Pittella e sottobanco con Roberto Falotico, accuse di occupazione scellerata di posti e seggiole rivolta al centrosinistra uscente in città di Vito Santarsiero e conseguente piazzamento in tutti i posti possibili delle varie anime dei partiti che sorreggono De Luca.

Lo spettacolo ce ne farà vedere delle belle ma, a questo punto, mi chiedo se realmente possa essere uomo veramente libero Dario De Luca, e non un burattino in mano a certi politicanti, ed ancor di più se questa possa essere la destra cittadina che incarna gli atteggiamenti più infimi della peggior Democrazia Cristiana, ignorando il tanto decantato amore per la città

Apparso sull’edizione odierna de Il Quotidiano della Basilicata

20140706-094337-35017801.jpg

20140706-094337-35017968.jpg

Una risposta a "#Potenza2014 Dario De Luca ed il suo governo della città da Manuale Cencelli"

Add yours

  1. If you make improvements in either of these components you will
    become a faster athlete. Then proper into comprehensive defensive team practicing against a scout offense.

    Statistics show that recreational drug use frequently follows alcohol abuse and that the most susceptible group are males aged between 16-24.
    This practice drill is intended to increase reaction speed and the ability to quickly change directions.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: